I nuovi operatori telefonici e le loro strategie di comunicazione

Tutto ciò ha portato quindi gli operatori della telecomunicazione a gestire diversamente il modo in cui entrare in contatto clienti, potenziali e non. Analizziamo le loro strategie di comunicazione con alcuni esempi!

Nuove esigenze dei consumatori

Grande parte della nostra vita quotidiana e lavorativa si basa ormai su internet: social network, riviste online, servizi di streaming, gaming e tantissimi altri sono gli usi in cui una connessione internet è necessaria. Ciò ha portato i consumatori ad esigere una rete internet non solo veloce, ma anche stabile per poter connettere tutti device. Di fatto, alcuni studi condotti dall’AGCOM hanno mostrato come, dal 2013 al 2020, il traffico dati sia aumentato: da 340 Petabyte a 6 440 (si consideri che 1 Petabyte corrisponde a 1 milione di Gigabyte).

traffico-dati-italia

Dall’altra parte, gli operatori si scontrano tra loro per presentare le offerte mobile più vantaggiose in termini di servizi offerti e prezzi, giocando quindi alla guerra al ribasso. In particolare, negli ultimi anni, fibra e 5G sono i servizi essenziali su cui grandi operatori (come WindTre, TIM e Vodafone) e non solo (Eolo, Kena, Tiscali e altri) si sono focalizzati.

Quello delle telecomunicazioni non è il solo mercato a conoscere improvvisi cambiamenti: si pensi per esempio anche a quello energetico che è in costante evoluzione, soprattutto in merito a temi come transizione ecologica, rincaro delle bollette, energia verde e obbligo di passaggio al mercato libero.

Per tutte queste ragioni, cercare di entrare in uno di questi mercati risulta abbastanza difficile, sia per le alte barriere imposte all’entrata, sia per il numero di competitors. Quindi, come possono occupare i nuovi operatori telefonici uno spazio e aumentare la loro quota di mercato?

I nuovi operatori del mercato italiano della telefonia

Diversi operatori telefonici hanno conosciuto una rapida espansione negli ultimissimi anni: ad esempio Iliad in poco tempo è diventata il quarto operatore nel mercato italiano; anche Kena Mobile e Very Mobile stanno prendendo piede. Come hanno fatto a raggiungere tale successo? Analizzando le strategie di  comunicazione di queste compagnie, possiamo ritrovare dei punti comuni:

Comicità e umorismo delle comunicazioni

analizzando gli spot pubblicitari, possiamo notare che poco “spazio” è dedicato alla descrizione dell’offerta; al contrario, si esalta la brand identity dell’operatore in modo divertente e umoristico e ciò attira l’attenzione del consumatore: si pensi allo spot di Very Mobile con Totti o gli spot di Kena con la propria mascotte. Lo stesso avviene anche sui profili social.

Trasparenza della policy

queste compagnie basano la loro policy sulla trasparenza: di fatto, queste non applicano nessun vincolo contrattuale e permettono ai propri clienti una gestione completamente libera del proprio abbonamento telefonico.

Flop dei competitors

negli ultimi tempi, le principali compagnie telefoniche (Vodafone, TIM e WindTre) sono state sanzionate per diverse ragioni e ciò ha causato una crisi reputazionale: ad esempio, la sanzione di 12 milioni di euro a Vodafone per il telemarketing aggressivo nel 2020, o ancora a WindTre e Vodafone per l’introduzione di costi fissi aggiuntivi sulle tariffe a consumo. Inoltre, come detto prima, i nuovi operatori basano la loro policy sulla trasparenza dei costi e affidabilità, ottenendo il consenso dei clienti e di tutti coloro che abbandonano i vecchi operatori.

Prezzi dei piani tariffari

come detto sopra, le compagnie cercano di convertire e ottenere più clienti abbassando i prezzi. Questa guerra al ribasso è stata iniziata da Iliad: di fatto, molto del suo successo iniziale è da ricollegare ai prezzi incredibilmente bassi dei piani nonché a un ottimo rapporto qualità-prezzo. Seguendo questo filone, anche le altre compagnie stanno adottando tale strategia. Quindi, il prezzo rappresenta un altro canale di comunicazione fondamentale per queste compagnie perché, offrendo tariffe e piani convenienti, riescono ad ottenere il consenso di molti consumatori e, quindi, la loro conversione al brand.

Aggiornato su 14 Giu, 2022

redaction La redazione di internet-casa
Redactor

Raffaele N.

Redattore Internet-Casa