I costi di disattivazione di ADSL e fibra

Servizio Internet-Casa di papernest: 4,6 ⭐ su Trustpilot

Sommario: Aumenti improvvisi sulla fattura delle bollette o connessioni Internet terribilmente lente a causa di una scarsa copertura in zona, sono una delle principali cause che motivano gli utenti di provider Internet a disdire il proprio contratto ADSL o fibra. 

Ma quali sono per una ADSL i costi di disattivazione?

Agcom, Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, ha diffuso delle linee guida da seguire per quanto riguarda la disattivazione di una linea fissa.

Pertanto, gli operatori di telefonia, devono rispettare queste regole e essere trasparenti verso gli utenti sia prima che dopo la sottoscrizione di un contratto.

In questo articolo saranno riportati tutti i dettagli e tutte le informazioni necessarie all’utente per conoscere i costi di disattivazione ADSL e fibra dei principali provider Internet.

Quali sono le differenze tra disdetta e recesso di un contratto?

Come anticipato all’inizio, ci sono delle normative rivolte agli operatori di telefonia fissa, stabilite dall’Autorità che definiscono delle raccomandazioni ben precise per quanto riguarda le condizioni contrattuali delle loro offerte e i loro costi di disattivazione ADSL e fibra.

Tuttavia, prima di andare a vedere le principali spese da sostenere in caso di disattivazione ADSL o fibra, bisogna conoscere la differenza tra i termini disdetta e recesso di un contratto.

Questi due termini sono impiegati per due diverse situazioni:

  1. la disdetta di un contratto avviene in genere, quando si ha la volontà di chiudere un contratto e di non rinnovare l’offerta nel momento della scadenza;
  2. il recesso di un contratto avviene, quando si vuole chiudere un contratto in anticipo, rispetto alla data di scadenza sottoscritta nel momento della firma. Quasi sempre sono previsti dei costi extra per il mancato rispetto degli obblighi contrattuali.

Secondo la delibera Agcom 487/18/CONS, un utente deve poter recedere un contratto con un preavviso di 30 giorni.

Di conseguenza, l’operatore deve permettere all’utente di pagare le rate restanti, ad esempio l’acquisto di un modem, in un’unica soluzione altrimenti a rate entro i 24 mesi.

Tutto quello che c’è da sapere sui costi di disattivazione ADSL e fibra

Per chiarire, i costi di disattivazione ADSL e fibra, variano per ogni operatore. I costi di disattivazione cambiano sia per il tipo di offerta scelta, sia per le cause per cui il cliente sta abbandonando il contratto.

  • Infatti un cliente può decidere, di disdire il contenuto di un contratto, sia nel caso di disattivazione della linea e sia per il passaggio ad un altro operatore.

Pertanto, in tutte queste circostanze, ogni gestore di provider, ha le proprie regole tariffarie.

  • I gestori di servizi internet devono informare il cliente con trasparenza su come gestire la disdetta del contratto ADSL, informando loro dei costi da sostenere.
Nel momento in cui ricevono la richiesta di disattivazione o la richiesta per il cambio operatore, devono concludere la disattivazione entro 30 giorni.

Di seguito, i costi di disattivazione ADSL e fibra delle varie compagnie Internet.

Costi disattivazione ADSL e fibra Vodafone

Per le offerte ADSL o fibra Vodafone è previsto:

  • un costo di disattivazione pari a 28 euro in caso di migrazione e pari a 28 euro in caso di cessazione della linea fissa

Invece per le offerte in fibra-mista Radio (Fwa), che sono differenti da una connessione ADSL, è previsto:

  • un costo di disattivazione pari a 25 euro

I contratti Vodafone hanno un minimo contrattuale di 24 mesi. In caso di recesso, dispositivi e apparati in comodato d’uso devono essere restituiti.

Vodafone come tutti gli altri operatori consente di presentare il diritto di ripensamento entro 14 giorni dall’attivazione della linea e in qualunque momento. In questo caso non è previsto il pagamento di alcuna penale.

Si può disdire un contratto ADSL e fibra Vodafone in questi modi:

  1. inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno con una dichiarazione esplicita, presso l’indirizzo “Servizio Clienti Vodafone c/o Casella Postale 109 14100 Asti
  2. chiamando il servizio clienti Vodafone al numero 190
  3. inviando una pec all’indirizzo disdette@vodafone.pec.it
  4. recandosi presso un punto vendita Vodafone

Quanto costa disattivare l’ADSL e la fibra con Tim

E’ possibile richiedere la disdetta Tim, non solo per la rete ADSL ma anche per la fibra ottica, è un’operazione semplice che si può eseguire in qualsiasi momento, oltre al diritto di ripensamento che come per tutti gli altri operatori è di 14 giorni.

Per le offerte di linea fissa ADSL Tim, è previsto:

  1. un costo di disattivazione pari a 30,00 euro
  2. un costo di migrazione della linea fissa verso un altro operatore di 5,00 euro

Invece, per le offerta FWA, cioè  ottica è previsto:

  • un costo di disattivazione di 25,00 euro

Se si recede dal contratto con il diritto di ripensamento, non sono previsti costi di disdetta ma se durante il contratto si è ricevuto un dispositivo in comodato d’uso, nel momento della richiesta, è obbligatorio restituire il modem e gli altri dispositivi ricevuti. I dispositivi possono essere restituiti presso un centro Tim.

Si può disdire un contratto ADSL e fibra Tim così:

  1. inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno con una fotocopia di un documenti di riconoscimento, presso l’indirizzo “Telecom Italia S.p.A Casella Postale 211, 14100 Asti (AT)
  2. chiamando il servizio clienti al numero 187
  3. recandosi presso un punto vendita Tim
  4. inviando un fax al numero 800-000187

Scopri i contratti Fibra e Adsl più convenienti sul mercato

06 94 80 44 71

Info

Fastweb: costi disattivazione ADSL e fibra

I contratti ADSL Fastweb hanno una validità di obbligo non superiore a 24 mesi e se non si invia un preavviso di disdetta di almeno 30 giorni prima della scadenza, saranno rinnovati automaticamente a tempo indeterminato.

Per i contratti ADSL e fibra ottica, Fastweb prevede:

  • un costo di disattivazione di 29,85 euro IVA inclusa.

Inoltre, se si recede in anticipo da un contratto associato a offerte promozionali, Fastweb può richiedere un addebito dovuto agli sconti che il cliente ha usufruito e in corrispondenza al contributo di attivazione, l’utente sarà tenuto a versare le rate mancanti.

Successivamente, al termine della disattivazione dell’offerta, l’utente è costretto a restituire gli apparati in suo possesso, entro e non oltre i 45 giorni. In caso di fallimento nella restituzione, l’operatore in questione addebita una penale di 50 Euro IVA inclusa, per ogni apparecchiatura.

Si può disdire un contratto ADSL Fastweb, in questi modi:  

  • inviando una raccomandata A/R presso l’indirizzo “Fastweb SpA, Casella Postale 126 – 20092 Cinisello Balsamo (MI)“” con una fotocopia di un documento di riconoscimento
  • chiamando il servizio clienti al numero 192193
  • recandosi presso un punto vendita Fastweb
  • inviando una PEC all’indirizzo fwgestionedisattivazioni@pec.fastweb.it
  • contattando il supporto Fastweb nell’area clienti MyFastweb o utilizzando la chat whatsapp  

Costi disattivazione ADSL e fibra con WindTre

I costi di disattivazione internet ADSL e fibra ottica di WindTre, variano per tipo di offerta scelta e per i motivi per cui si vuole disdire. Le procedure per cambiare operatore sono semplici e ben definite perché completamente affidate al nuovo gestore.

Invece per disdire definitivamente la propria ADSL o fibra, gli utenti dovranno provvedere di persona a fornire i dettagli necessari.

Per i contratti ADSL e fibra ottica WindTre prevede:

  • un costo di disattivazione in caso di cessazione del servizio senza riattivazione con altri, di 94 euro in caso di servizio fibra, e di 66 euro in caso di servizio ADSL.

Invece, in caso di migrazione cioè il passaggio ad un altro operatore, WindTre prevede:

  • un costo di 94 euro in caso di servizio fibra e di 55 euro in caso di servizio ADSL.

I contratti di WindTre hanno durata di ventiquattro mesi e se non disattivati, si rinnovano a tempo indeterminato.

Di conseguenza, l’utente ha tempo 30 giorni prima della scadenza del contratto per inviare un avviso di disdetta.

Si può disdire un contratto ADSL WindTre, in questi modi:

  1. inviando una raccomandata A/R presso l’indirizzo “Wind Tre S.p.A – CD Milano Recapito Bagio, Casella postale 159, cap 20152 Milano”, contenente un modulo specifico di disdetta di WindTre da scaricare sul sito ufficiale
  2. chiamando direttamente il Servizio Clienti al numero 159
  3. inviando una PEC all’indirizzo servizioclienti159@pec.windtre.it 

Il costo della disattivazione ADSL e fibra con Tiscali

I costi di disattivazione ADSL e fibra Tiscali cambiano in base al tipo dell’offerta attiva sulla propria linea.

Si possono chiedere informazioni e chiarimenti sulla procedura di disattivazione Tiscali:

  1. chiamando il servizio clienti al numero 130
  2. scaricando il modulo di disdetta nell’area riservata del sito

Per chiarire, i costi di disattivazione Tiscali sono il totale di una mensilità di canone.

Per i contratti internet/fibra Tiscali prevede:

  • un costo di cessazione del servizio di 70 euro IVA inclusa.

Invece, in caso di migrazione cioè il passaggio ad un altro operatore Tiscali prevede:

  • un costo di 43,36 euro IVA inclusa.

Come detto prima Tiscali basa i suoi costi di disdetta in base al tipo dell’offerta. Quindi, per questo motivo bisognerà controllare tramite il codice di migrazione, il proprio codice di tecnologia per capire effettivamente quali siano le spese da effettuare.

Il codice tecnologia di Tiscali si trova nelle ultime 3 cifre del codice migrazione.

Così la disdetta del contratto avviene entro 30 giorni dalla data di comunicazione e se il contratto prevedeva dispositivi in comodato d’uso e noleggio, questi vanno restituiti a Tiscali. In caso di mancata restituzione sono previste delle penali.

Inoltre, le apparecchiature vanno restituite a Tiscali inviando un pacco all’indirizzo: Tiscali Italia S.p.A, C/O filiale magazzino SDA-Cagliari, Via Betti S.n.C, Zona Industriale CASIC Est, 09030 Elmas (CA)

Scopri le migliori offerte sul mercato

06 94 80 44 71

Info

Fibra e ADSL: i costi di disattivazione con Linkem

Linkem è un operatore diverso da quelli riportati in precedenza, perché la navigazione di internet si basa su tecnologie wireless, come LTE e WiMax.

Tuttavia, non è escluso dalle regole di trasparenza per i costi di disattivazione della linea ADSL.

Pertanto si può disdire un contratto ADSL Linkem, in questo modo:

  • inviando un’email all’indirizzo cessazioneservizio@linkem.com, allegando una copia del documento d’identità, o via fax al numero 0805622090
  • chiedendo il recesso dell’offerta Linkem attraverso il sito internet
  • inviando una raccomandata A/R all’indirizzo Linkem S.p.A. Ufficio Amministrativo, Strada Provinciale Bari – Modugno, 1 70132 Bari

In caso di recesso entro 14 giorni Linkem prevede:

  • un costo di 5 euro per le spese di restituzione dell’apparecchiatura Linkem.

Allo stesso modo, sia per il mancato rinnovo sia per il recesso, i costi di disattivazione Linkem prevedono:

  • un costo di 50 euro in caso di impianto da interno
  • un costo di 100 euro in caso di impianto da esterno
  • e in aggiunta un costo pari al valore del contratto che varia dalla tipologia dell’offerta

Ai clienti in cui contratto prevedeva un modem in comodato d’uso, per la mancata restituzione dell’apparecchio è prevista una penale di 100 euro.

Eolo ADSL e fribra: costi per la disattivazione

Per concludere, Eolo come Linkem usa le tecnologie wireless per connettersi alla rete.

Infatti, Eolo offre un servizio ultra veloce utilizzando un router specifico molto differente da una semplice ADSL. Scopri la differenza tra modem e router.

Per i costi di disattivazione ADSL e fibra con Eolo, è previsto in caso di recesso anticipato:

  • un costo di 54,90 euro per il collegamento wireless
  • un costo di 24,90 euro per la fibra ottica FTTH

I recessi anticipati di Eolo comprendono il pagamento di una tantum che si differenzia in base al contratto sottoscritto.

Perciò, è buona pratica consultare le condizioni generali del proprio accordo e in caso di volontà, disdire con un preavviso di 30 giorni.

Dunque i clienti possono disdire un contratto ADSL Eolo in questo modo:

  • inviando una raccomandata A/R presso l’indirizzo “EOLO S.p.A. – Via Gran San Bernardo, 12 – 21052 Busto Arsizio (VA)
  • inviando una PEC all’indirizzo clienti@pec.eolo.it
  • chiamando il numero +39.023700851
  • tramite Area Clienti
  • presso un punto vendita Eolo

Cosa serve per disdire una linea ADSL o fibra?

Con lo scopo di comunicare al proprio provider Internet, la disdetta del proprio contratto ADSL o fibra, c’è l’importanza di comunicare i motivi per il quale si vuole disdire o recedere il contratto.

Di solito, le giustificazioni di una disdetta e di un recesso possono essere:

  • la richiesta di cambio ad un altro gestore
  • la disattivazione della linea ADSL e fibra
  • il diritto di ripensamento, che si può utilizzare entro 14 giorni dalla firma del contratto

Successivamente, al momento della volontà dell’utente di disdire, egli dovrà inviare all’operatore dei moduli con un raccomandata di ritorno che dovrà contenere i seguenti dati:

i dati anagrafici dell’intestatario dell’offerta a cui si è aderito
il codice fiscale
un recapito telefonico diverso da quello della linea, utilizzato dagli operatori per comunicare aggiornamenti sullo stato della domanda
la ragione per cui si vuole disdire o recedere

In caso ci si voglia trasferire ad un diverso operatore e mantenere il numero, non è necessario applicare la disdetta, basta sottoscrivere un nuovo contratto.

Infatti tale pratica è chiamata migrazione verso un operatore e permette di cambiare gestore affidando al nuovo, le pratiche di passaggio. Cosa succede al modem se cambi operatore? Scoprilo in questo articolo.

Disdire un abbonamento ADSL o un’offerta in fibra ottica

Per riassumere, in questo articolo, si è parlato di quali sono i costi per una disdetta di un abbonamento ADSL o fibra e di come inviare la richiesta, per i principali operatori di servizi Internet.

I costi di disattivazione ADSL e fibra possono variare a seconda delle tipologie offerte dagli operatori e dal tipo di tecnologia usata.

Perciò è un procedimento necessario per essere ben informati nel dettaglio delle condizioni contrattuali del proprio fornitore.

In conclusione, è buona pratica ricordare che per procedere alla disattivazione della propria linea bisogna specificare al proprio operatore se si tratta di recesso per migrazione o di cessazione totale del servizio e ricordarsi di sorvegliare la qualità del proprio servizio. Questo perché in caso di mancato rispetto degli standard minimi di qualità, l’utente potrà recedere dal contratto senza il pagamento di penali.

Scopri in questo articolo le migliori offerte adsl presenti sul mercato.

Chiama un nostro esperto per disattivare il tuo contratto senza perdite di tempo

Info

Aggiornato su 18 Giu, 2021

redaction La redazione di internet-casa
Redactor

Paolo A.

Redattore Internet-Casa

Commenti

bright star bright star bright star bright star grey star

Per saperne di più sulla nostra politica di controllo, trattamento e pubblicazione dei commenti leggi i nostri termini e condizioni legali.