Internet Hotspot Tethering: cosa sono e come funzionano

Scopri cosa offrono i vari fornitori per quanto riguarda hotspot e tethering

Chiamata gratuita - Lunedì a venerdì - dalle 8:30 alle 19:00

Siamo qui per aiutarti

Manuale di istruzioni

Sommario: Ti sarà senz’altro capitato di trovarti nella situazione di dover usufruire di servizi di rete sul tuo portatile o tablet, ma non avere una connessione Internet disponibile.

Quando si deve completare un lavoro, ma si è contemporaneamente fuori casa è abbastanza difficile, a volte, riuscire a trovare una rete wi-fi a cui collegarsi. I servizi Internet Hotspot Tethering sono stati creati e messi a disposizione per gli utenti proprio allo scopo di ovviare questi problemi e semplificare la vita di tutti coloro che hanno necessità di una connessione di alta qualità e potenza adeguata al di fuori delle mura domestiche.

Ormai, questo genere di servizio (hotspot o tethering) è disponibile per tutti i telefoni cellulari, sia che utilizzino il sistema operativo Android che iOS (quello degli iPhone). Il funzionamento è semplicissimo, tuttavia ancora pochi utenti conoscono la possibilità e i vantaggi che possono derivare dall’utilizzo di queste tecnologie.

Di fatto, i servizi internet Hotspot e Tethering consentono all’utente di trasformare il telefono cellulare in un vero e proprio modem wi-fi. In questo modo, il tuo portatile o tablet potrà usufruire della connessione 4G prevista dal tuo piano tariffario mobile.

Se si hanno a disposizione molti Giga nella propria offerta, o se si è in situazioni di particolare emergenza, questa possibilità va senz’altro tenuta in considerazione. Nel nostro articolo troverai tutte le informazioni relative all’internet Hotspot Tethering, con una breve e semplice guida su come attivare i servizi.

La differenza tra Hotspot e Tethering

Come abbiamo detto, Hotspot e Tethering sono due tipologie di servizi, implementabili in tutti i nostri smartphone di ultima generazione, che ci permettono di avere una connessione internet sempre a portata di mano, utilizzando la connessione 4G del nostro telefono cellulare.

Ma perché due nomi differenti? In che cosa si differenziano i due servizi?

La discriminante tra Hotspot e Tethering è essenzialmente tecnica. Essa si riferisce, in sostanza, alla modalità con la quale i dati vengono trasmessi dal telefono cellulare al dispositivo sul quale stiamo lavorando: un computer portatile, un tablet, ma, in alcuni casi, anche un pc fisso.

Vediamo ora, entrando nello specifico, quali sono i principi di funzionamento di queste differenti tecnologie di trasmissione dei dati.

La funzione Hotspot

La funzione Hotspot dei nostri telefoni cellulari permette di accedere alla scheda di rete wireless del telefono, quella che si occupa della trasmissione di dati in rete con le tecnologie 3G, 4G, e oggi, 5G, e di condividerla con chiunque ne faccia richiesta e possegga le corrette chiavi di accesso.

Insomma, come detto, in questa modalità di condivisione dei dati, il telefono assume le funzioni di un vero e proprio modem wi-fi, collegandosi alla rete internet globale attraverso i dati messi a disposizione dalla tariffa stipulata, e inviando i pacchetti di informazioni a tutti i dispositivi che sono ad esso collegati.

Come si può vedere, si tratta di una tecnologia di immensa utilità, ma che comporta anche qualche pericolo. Prima di entrare nel dettaglio delle modalità di attivazione dell’hotspot vogliamo dare alcuni suggerimenti preliminari.

Scopri le offerte sulle chiavette internet USB.

Scopri quanti giga di hotspot e di tethering puoi condividere, e come migliorare la tua offerta

06 94 80 44 71

Manuale di istruzioni

Avere una buona tariffa dati

La modalità hotspot è la più rapida ed efficace, ma anche quella più dispendiosa. La velocità con cui questa tecnologia invia la trasmissione di pacchetti di informazioni dallo smartphone al nostro computer è così rapida da permetterci di poter vedere anche video e filmati in streaming a buona velocità e senza interruzioni.

Tuttavia, è facile lavorare utilizzando la connessione dati, senza accorgersi di quanto stiamo “spendendo” in termini di Megabyte e Gigabyte consumati.

Dunque, se si vuole usufruire delle possibilità dell’Hotspot, è sempre consigliabile avere una tariffa mobile che ci consenta di avere a disposizione un buon numero di Gigabyte ogni mese.

Altrimenti, la nostra navigazione durerebbe molto poco, oppure, comprometterebbe seriamente la possibilità di usare internet sul nostro cellulare fino al ripristino dei dati del mese successivo.

Impostare una rete Hotspot protetta

Un ulteriore fattore da tenere presente allorché si decide di impostare una rete Hostpot, è il livello di protezione e la possibilità per altri utenti di accedere alla rete protetta.

Infatti, dato che, con questo procedimento, il tuo Hotspot si trasformerà in un router wi-fi, esso sarà visibile e identificabile da tutti i dispositivi nelle vicinanze in grado di captarne il segnale.

  • Dunque, quando utilizziamo l’Hotspot wi-fi in luoghi pubblici è sempre opportuno impostare una password di accesso al router che stiamo attivando.

Il rischio è quello che le persone che lavorano con dispositivi vicino a noi possano liberamente utilizzare i Gigabyte della nostra offerta e, in pochissimo tempo, finiremmo il traffico mensile a nostra disposizione.

Avere un Pc dotato di scheda di rete wi-fi

Infine, come detto, grazie all’Hotspot, il nostro cellulare assume le funzioni di un router wi-fi, emettendo appositi segnali wireless, captabili e interpretabili dai dispositivi situati nelle vicinanze.

  • Allora, è opportuno sottolineare che, come per i canonici modem wireless, il segnale emesso può essere correttamente ricevuto solo nel caso in cui il dispositivo ricevente sia dotato di scheda di rete wi-fi.

In poche parole, si tratta di dispositivi meccanici che devono necessariamente essere montati all’interno dell’apparecchio. Essi rendono possibile riconoscere, ricevere e interpretare i segnali e i pacchetti di informazioni che “viaggiano” attraverso la rete senza fili creata dal router wi-fi e, in questo caso, dall’Hotspot.

Quali dispositivi hanno una scheda di rete?

La maggior parte dei dispositivi, oggi, soprattutto se di piccole dimensioni, portatili e utilizzabili sia come classici pc che come tablet, ha già al suo interno una scheda wireless di rete.

  • In questo modo, non si è vincolati, per la connessione internet, a dover collegare il cavo LAN e si può liberamente accedere alla rete spostandosi per la propria casa purché nel limite della ricezione del segnale.
  • Tuttavia, può capitare che i computer fissi non abbiano inserita nel loro hardware la scheda di rete wifi.

In effetti, non essendo prevista, per questa tipologia di apparecchi la possibilità di movimento, la ricezione di un segnale wi-fi non è un attributo così essenziale e il computer può semplicemente essere collegato alla rete attraverso il classico cavo apposito.

Ovviamente, ciò significa che, se i computer fissi non sono adibiti alla ricezione del segnale wi-fi, essi non potranno ricevere l’Hotspot del tuo smartphone e non potrai viaggiare in rete sfruttando la tua connessione dati.

Quindi, se vuoi navigare con il tuo computer fisso, non dotato di scheda di rete, attraverso la tariffa Internet del tuo telefono cellulare dovrai:

  • Acquistare una scheda di rete e installarla nel pc, se vuoi utilizzare l’Hotspot.
  • Utilizzare altre metodologie di condivisione dei dati come il tethering USB.

Internet Hotspot Tethering: come attivare la rete Hotspot sul tuo cellulare

  • Se sei pronto a navigare in internet con il tuo portatile grazie ai servizi di Hotspot, tutto ciò che ti resta da fare è sapere come attivare la rete sul tuo telefono cellulare.

In effetti, si tratta di un procedimento assai semplice e, con un po’ di pratica, e le opportune scorciatoie predisposte dagli smartphone, anche rapido.

La procedura varia leggermente a seconda che il tuo smartphone abbia un sistema operativo Android oppure si tratti di un iPhone.

I servizi hotspot e tethering dei vari operatori

  • L’hotspot e il tethering di Iliad
  • Condividere la connessione per i clienti TIM
  • Hotspot e tethering Vodafone
  • Il tethering con WindTre

Attivare l’Hotspot con Android

  1. Se hai un cellulare che funziona con il sistema operativo Android, per attivare l’Hotspot non devi fare altro che andare nelle Impostazioni del telefono ed entrare nel menu dedicato a Router wi-fi e Tethering.
  2. A questo punto potrai spuntare la voce disattivato, spostando il pulsante verso destra facendo, appunto, comparire la scritta “attivato”.
  3. Da questo momento in poi, il tuo cellulare sarà identificabile come router internet per tutti i dispositivi nelle vicinanze del segnale. All’interno della stessa schermata potrai anche modificare il nome con cui lo smartphone/router è identificato, nonché la password di sicurezza.

Invece, nel caso in cui tu sia connesso ad una rete wi-fi mentre tenti di effettuare questa operazione, ti verrà richiesto di scollegarti da quest’ultima per poter attivare le funzioni traffico dati necessarie.

Infine, mentre consigliamo questo procedimento per la prima impostazione del tuo cellulare come router, per le successive attivazioni puoi usufruire della scorciatoia fornita dal menu a tendina. Ti basterà scorrere il dito dalla parte superiore dello schermo a quella inferiore per aprire le funzioni di scelta rapida. Tra le varie opzioni disponibili troverai anche quella di accensione e spegnimento del Router wi-fi.

Attivare l’Hotspot con iPhone

Invece, se hai un iPhone o un iPad, i quali funzionano con il sistema operativo iOS, per attivare l’Hotspot dovrai seguire una procedura diversa, ma altrettanto semplice e rapida.

Anche in questo caso dovrai entrare dal menu delle Impostazioni e cercare la voce Condivisione della connessione. Troverai la voce Hotspot in cui dovrai spostare il segno di spunta sulla destra e, così, attivarlo.

Internet Hotspot Tethering: condivisione dei dati attraverso il Tethering

L’Hotspot è senz’altro un’opzione molto utile e comoda per chi ha necessità di avere una buona connessione internet sul proprio portatile ovunque si trovi.

Tuttavia, esistono casi in cui non è possibile attivarlo. Il più comune tra questi, come detto, è quello in cui la scheda di rete non è presente sul nostro pc, oppure è danneggiata. Di conseguenza, il dispositivo non è in grado di ricevere il segnale wi-fi emesso dal telefono.

In questi casi la soluzione è proprio quella del Tethering: un servizio che permette di associare il pc al proprio smartphone utilizzando tecnologie alternative al wi-fi.
  • Infatti, esistono due tipologie di Tethering: il tethering Bluetooth oppure il tethering USB, a seconda della modalità di trasmissione dei dati che si predilige.

Impostare e attivare il Tethering Bluetooth

Usufruire della connessione internet del tuo cellulare attraverso il Tethering Bluetooth è abbastanza semplice. Vediamo ora come impostare e attivare il servizio.

  1. Anzitutto, dovrai associare i due dispositivi. Quindi, attiva il servizio Bluetooth sul tuo PC. In questo modo, sarà possibile ricevere il segnale emesso dallo smartphone. Nelle Impostazioni Bluetooth del tuo cellulare dovresti vedere il nome del tuo PC. Collega i due dispositivi per avere una connessione permanente tra loro.
  2. Per ragioni di sicurezza, la visibilità di un dispositivo Bluetooth non dura più di 120 secondi. Se non riuscirai a connettere i due dispositivi entro questo tempo, vedrai il nome del dispositivo scomparire dalla lista dei dispositivi associabili e dovrai ripetere la procedura dall’inizio.
  3. Una volta che smartphone e PC saranno associati, entra nel menu Tethering e Router wi-fi delle impostazioni del tuo telefonino e spunta la voce denominata Tethering Bluetooth.

Il tethering bluetooth

In questo modo, il tuo computer fisso riconoscerà lo smartphone attraverso la sua rete di traffico dati e riceverà le informazioni della rete internet in pacchetti di informazioni trasferiti attraverso la tecnologia Bluetooth.

Tethering USB: come impostarlo e attivarlo

Ancora più semplice della tecnologia Bluetooth, è impostare e attivare il Tethering USB per navigare.

Tuttavia, si tratta anche della procedura meno affidabile, tra quelle descritte e può sovente dare problemi, specialmente se stai tentando di attivarla da un dispositivo Android.

Il tethering bluetooth

Tutto ciò che devi fare per poter usufruire del Tethering USB è collegare il tuo PC al tuo smartphone mediante l’uso di un apposito cavo.

A questo punto recati nelle Impostazioni del telefono, entra nel menu Router wi-fi e Tethering e seleziona la spunta Tethering USB.

Invece, se hai un iPhone potrai fare lo stesso selezionando Impostazioni, poi Condivisione della connessione e, infine, spuntare la voce USB.

  • Se tutto è andato per il meglio, sarai in grado di navigare in internet con il tuo pc grazie al traffico dati del tuo operatore telefonico.

Come detto, questo genere di procedura non di rado reca molti problemi e spesso non permette una corretta riuscita dell’operazione. Le ragioni del malfunzionamento potrebbero essere molteplici e non sempre semplici da risolvere.

Pertanto, pur informando dell’esistenza di questa procedura, se hai bisogno di Internet e vuoi usufruire del traffico dati ti consigliamo il Tethering Bluetooth oppure l’Hotspot come vie preferenziali.

Per qualsiasi dubbio sulle procedure qui esposte, ecco qui i link alla guida di Android e al manuale di supporto per l’iPhone in cui potrai trovare ulteriori spiegazioni e approfondimenti.

Se vuoi utilizzare i servizi Hotspot e Tethering, ma il tuo cellulare naviga molto lentamente, puoi trovare possibili soluzioni al problema con il nostro articolo dedicato alla connessione lenta del tuo smartphone.

Chiamaci e ricevi assistenza per attivare un’offerta senza costi aggiuntivi

Manuale di istruzioni

Redactor

Written by paoloa

Aggiornato su 16 Dic, 2020